L’Isola come straordinaria scuola di formazione all’impegno sociale

 

L’ Isola ha segnato l’inizio della mia esperienza politica ed amministrativa.

Al circolino, sulla vecchia pista da hockey, era stato allestito un palco, su cui si sarebbe poi esibita un orchestra.

L’invito a partecipare mi era arrivato dal compianto Mario Suman, in occasione dell’annuale festa del centro d’incontro.

Ero stato eletto, pochi mesi prima, presidente della seconda circoscrizione.

Si trattava quindi di rappresentare nella circostanza, la piccola, ma in quel contesto significativa, Istituzione.

Il mio primo intervento pubblico: la giusta trepidazione ed un foglietto in tasca con qualche appunto.

Non ricordo le cose dette, tuttavia al termine del saluto scattò un applauso, non so quanto convinto, dei presenti.

Con il tempo i rapporti si consolidarono e moltissime altre furono le occasioni di confronto e discussione con gli abitanti del quartiere.

L’utilizzo di nuovi spazi per le attività del centro, la manutenzione degli alloggi delle case popolari, la nuova viabilità, la pulizia ed il decoro urbano, la situazione degli edifici scolastici di via Anadone, le coltivazioni che lambivano l’abitato, il rapporto storicamente complicato fra il rione e la città.

Erano questi i temi principali che venivano proposti in modo ricorrente.

Diversi problemi oggi sono stati risolti o superati, altri invece dovrebbero rimanere costantemente all’attenzione di chi è chiamato ad occuparsi della cosa pubblica.

Eravamo a circa metà degli anni novanta, il muro era caduto poco tempo prima e le categorie politiche prevalenti erano quelle di ex democristiano ed ex comunista, si avviava una fase di profonda trasformazione, non solo politica, soprattutto economica e sociale.

Qualche frequentatore del centro d’incontro e alcuni consiglieri circoscrizionali mi dicevano “guarda che arriverà un giorno in cui staremo dalla stessa parte…”.

Quando nel 2008 all’interno del Consiglio Regionale del Piemonte abbiamo costituito il gruppo del Partito Democratico, mi sono riaffiorate quelle parole, quei momenti semplici e concreti con persone preoccupate del loro ambiente di vita e del futuro.

Una straordinaria scuola di formazione all’impegno sociale.

E’ importante che quel testimone sia stato raccolto da altri “isolani” che, in forme e strumenti adeguati all’oggi, provano a coniugare tradizione e innovazione, valorizzando le potenzialità del rione a servizio di tutta la comunità vercellese.

 

 

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Please reload

ULTIME NOTIZIE

16.5.2017

COLLABORATORI BLOG CERCASI

Nuovi bloggers per il sito cercasi: tutti coloro che vorrebbero scrivere, collaborare al blog, ricevere informazioni possono contattarci alla mail info@lavocedellisolablog. Scrittori fatevi avanti: Vi aspettiamo!

Please reload